7 sfavorevoli “fatalita’ ” in un giorno di ordinaria perplessità

By | 29 Settembre 2016

Quando penso e ripenso al trattamento che ricevo, anche solo per vedere una casa che vorrei acquistare( e dico vorrei perche ‘ prima voglio vederla, quantomeno),un gesto involontario ma naturale prende il sopravvento su di me.
I gomiti si appoggiano sul tavolo, la testa abbandonata col suo peso sui palmi delle mani, mentre strofinano lievemente gli zigomi e la fronte, e la sensazione di voler sprofondare in un abisso epocale senza lasciare piu’ nessuna traccia del mio passaggio su questa terra.

Un’ altra storia vera, disarmante per chiunque.

Dico questo perchè ho provato insieme al mio staff a cercare casa per me personalmente e visto che volevo avere una panoramica generale di tutto cio che c’era sul mercato mi sono dovuto rivolgere(aihme’) anche alla concorrenza.

1° appuntamento

Rido per non piangere.

Ora, vero è che, 7 appuntamenti, non saranno significativi quanto una statistica su un campione di un migliaio di persone, forse ho sbagliato settimana per cercare casa, ma sarebbe stata per chiunque una settimana di imprecazioni sia per il divino che per il profano.

2° appuntamento

Certo ! Cercare di risparmiare tempo dopo aver letto un cartello sbiadito a fianco al portone e chiedere qualche informazione piu’ dettagliata al telefono è quasi un gesto irriverente; soprassediamo.

Sembra che la segretaria che lavora solo da 2 giorni non riesca a trovare la scheda.

Lei : Le fisso l’appuntamento per domani alle 18 sotto il portone.L’ appartamento è cosi’ come descritto sul cartello. Il collega potrebbe tardare di qualche minuto ma arriva.
Lui : Grazie ( penso, mi avvisa che potrebbe tardare, chi non è mai stato in ritardo a un appuntamento, scagli la prima pietra !)
Non sempre  riesco ad essere in anticipo ma quel giorno si e anche di 5 minuti.
18.05 beh ! ha detto qualche minuto
18.10 niente
18.15 neanche l’ombra
18.20 chiamo e il telefono sempre occupato
18.25 Grrrrrr !!! Perchè squilla e non  rispondono ???
18.30 La segretaria : Guardi il collega ha avuto un imprevisto ! Sono costretta a spostarle l’appuntamento. Abbia pazienza !
Lui : Pazienza un c..zo !!!
Quindi appuntamento saltato e ancora oggi non sono riuscito a capire se il condominio aveva o non aveva l’ascensore, anche perche’ gia’ al telefono altri problemi  presero il sopravvento.

Ecco, questo è solo il primo appuntamento, pensate gli altri.

3° appuntamento

Forse risparmiare tempo e frettolosamente correre a vedere la prossima casa non è l’approccio giusto.
Vediamo se dal cartello della vetrina, riesco a raccogliere tutte quelle informazioni importanti che mi servono prima di precipitarmi al prossimo appuntamento. In fondo è una mia responsabilità.

e-io-pago-totoChiariamo un po’ di punti prima di proseguire, non cerco la luna. Anzi sono aperto a varie possibilità :
1. Cerco in zona un 3 locali decoroso con spese di gestione moderate, in affitto
2. Con anticipo e affitto a riscatto
3. Posso acquistare con un mutuo gia’ deliberato
4. Posso pagare totalmente in contanti.

Sono pronto a affittare e/o comprare appena trovo cio’ che mi garba, un assegno circolare che cammina, pronto a cambiare conto corrente.

Quindi leggo, da questo cartello luminoso, 3 locali etc etc, 80 mq, foto del palazzo, prezzo ( il prezzo ingolosisce e stimola la mia curiosità), entro in negozio e chiedo l’appuntamento.

Il ragazzo dietro la reception :
Cerco la scheda. Ah ! Eccola.
La casa non l’ho mai vista pero’ ho le chiavi in ufficio e in questo momento non ho appuntamenti.
Potrei accompagnarla subito.
Fantastico ! Anche se vengo preso alla sprovvista, mi rendo disponibile, ho i minuti contati come sempre ma ce la dovrei fare, non ci metteremo piu’ di 30 minuti, poi vado a prendere mia figlia a scuola.

Dopo un po’ di sforzo, tra la chiave, la serratura e il cigolio della porta riusciamo a entrare e un ondata di strano odore rende quell’ambientino non proprio accogliente. Anche le tapparelle fanno fatica a salire, a parte una, che resta bloccata a metà e per vedere il balcone mi sono dovuto chinare a 90 gradi per poi scoprire che sul balcone stesso i piccioni avevano trovato il loro miglior posto dove posarsi e rilassarsi.

Ma la cosa davvero sorprendente la scopro contando i locali. Uno di questi era il ripostiglio di una certa dimensione anche abbastanza grande, tanto da contenere un letto a castello su un lato della cameretta.

Un “premio” per la fantasia.

Peccato stavo cercando un tre locali che nascesse gia’ cosi’  dall’origine, non un tre locali ricavato grazie ad un grande ripostiglio. Pazienza ? Pazienza ormai ne ho veramente poca, ma questa volta niente parolacce.

Ora so bene che la promessa nel titolo parlava di  ” 7 sfavorevoli fatalità ” ma visto che ho superato abbondantemente la lunghezza giusta di parole previsto in un post, le altre 4 storie le troverai ( forse ) continuando a leggere il blog.

Se invece ti preme realmente vendere casa in 30 giorni, lascia i tuoi dati ericevi un Bonus in Regalo
l’ APE del valore di 147 €. Clicca qui

 

Oppure seguendo una procedura testata PUOI CHIAMARE SUBITO  il numero verde
800 180 487  e chiedere un appuntamento oppure inviare una mail
Grazie 🙂

 

The following two tabs change content below.

Pietro Amico

Opero nel settore immobiliare dal 1990. Vivo e lavoro in provincia di Torino dove aiuto investitori e proprietari di immobili a vendere e comprare garantendo tempi certi.