La paura di svendere, una psicosi collettiva senz’altro esasperante.

By | 3 Maggio 2019

 

Spesso o meglio quasi sempre, mi ritrovo di fronte a persone che hanno deciso di vendere casa e non sanno piu di chi fidarsi e a chi affidarsi  (dato che piu volte hanno fatto “ il giro delle sette chiese”  in qualsiasi periodo dell’anno compreso quello di Pasqua).

Hanno perso il bandolo della matassa ed è tipica la frase classica,che sento da loro, come un registratore rotto.

– “ se ha qualcuno me lo porti, a meno di questo non vendo “

Ecco un altro immobile sul mercato, con i cartello sul portone, a volte anche l’annuncio su internet ( tanto è Gratis ) che marcirà li per qualche anno e nessuno sa spiegarsi il perché.

E dato che non c’è mai fine al peggio ( questo è un mantra che trita e ritrita, un evergreen direbbero in Inghilterra), arriva l’ agente immobiliare con qualche mese di esperienza, anche fatta male,  che ha rassicurato il venditore sul fatto che troverà un acquirente disposto a comprare la sua casa al prezzo che chiede, senza mediazione alcuna e in breve tempo.

Sono sempre curioso di vedere gli accordi scritti  a queste condizioni, tra agente immobiliare della concorrenza e proprietario venditore, descrivibili cosi come segue :

– un agente immobiliare che definirei un “fenomeno”  perché è ormai una consuetudine o meglio una cattiva abitudine, l’applicazione di una delle più classiche e antiche delle strategie di approccio, un qualcosa che si impara alle elementari. L’agente acquisisce l’incarico di vendita ad un prezzo qualsiasi pensando di “aspettare sul ciglio del fiume il morto che passa” tanto prima o poi scenderà di prezzo, e li’, concludero’ l’affare.

Intanto  il proprietario venditore, invece, si illude, e si giustifica pensando, “ largo ai giovani “, anche noi diamo il nostro contributo in questa Italia con un alto tasso di disoccupazione giovanile, tra i primi in Europa.

Ora, se non fosse abbastanza, e non ti sei mai ritrovato in questa situazione, meglio per te, meglio per tutti.

Se invece, in qualche modo hai avuto la percezione che qualcosa stesse accadendo, benvenuto in questo mondo ( ma non credo che sia tanto diverso da tanti altri ambienti di lavoro).

Perche’, perché accade tutto cio’ ?

Ci ho pensato a lungo e ho cercato di mettere a fuoco questo momento tipico e topico, che in qualche modo prima di tutto aumenta la diffidenza sia nella persona ( in qualità di professionista) che nella categoria in generale, creando un circolo vizioso senza fine, un  po’ come un gatto che si morda la coda.

Ci provo lo stesso.

Le fiabe aiutano a migliorare consapevolezza.

La paura di svendere la propria casa genera  gli stessi sintomi e gli stessi effetti presenti in una fiaba conosciuta da tutti. La favola di Cappuccetto rosso. Lo definita la “sindrome di Cappucceto Rosso”. So che tutti la ricordano ma rivediamola insieme ancora una volta, è adorabile.

Cappuccetto Rosso, chiamata anche Cappuccetto, è una bambina che vive con la sua mamma in una casetta vicino al bosco. Un giorno la mamma le consegna un cestino pieno di cose buone da portare alla nonna ammalata, che vive al di là della foresta. La mamma raccomanda a Cappuccetto di fare attenzione, durante il tragitto. Nel bosco però, la bambina incontra un lupo nero, che con l’inganno le si avvicina e si fa rivelare dove abita la nonna. Il lupo così si allontana, arriva prima di lei alla casetta e bussa alla porta, presentandosi alla nonna come la nipotina e così apre la porta e se la mangia in un sol boccone. La nostra Cappuccetto Rosso, che arriva più tardi alla casetta, entra e trova il lupo nel letto, travestito da nonna e anche quest’ultima viene a sua volta divorata in un sol boccone. Successivamente un cacciatore, amico della nonna di Cappuccetto, si accorge di quello che è accaduto, si precipita nella casetta e uccide il lupo, tagliandogli la testa con una scure. Poi gli apre la pancia dalla quale fuoriescono immediatamente la nonna e Cappuccetto Rosso sane e salve. Il cacciatore prende allora il lupo e si avvia verso casa, per farne delle pellicce.

Ad ognuno il suo compito

Ora, se vogliamo dare un ruolo ad ogni personaggio nel mondo reale potremo dire che il proprietario venditore incarna Cappuccetto rosso.
Si,lui deve portare a termine la sua missione, deve vendere la casa, come cappuccetto deve porate il cibo nel cestino alla nonnina senza farsi sbranare dal lupo.

Ma ecco l’errore, in buona fede, per carità, nel dare un ruolo all’agente immobiliare. Infatti spesso l’agente viene visto dal proprietario, come il lupo cattivo perchè in quel momento dovrà emettere una sentenza e dire “ quanto vale la sua casa da vendere “ facendo attenzione a non urtare la sensibilità del venditore ( che ha fatto una vita di sacrifici etc etc).

In realtà l’agente immobiliare è tutto tranne che il lupo cattivo. Caso mai è il cacciatore che uccide il lupo e salva sia la nonnina che cappuccetto.

 

E allora chi è il lupo cattivo ?

E’ il mercato ! E’ il telegiornale! Un tripudio di notizie da urlo !
Un esercito di evasori. Tasse non pagate. Un prodotto interno lordo sempre in discesa.
Un invasione di stranieri senza permessi di soggiorno, senza lavoro, che dopo aver trasformato in ghetti, interi quartieri nelle grandi città, li dominano e li controllano come se fossero a casa loro.

Uno stato, che se fosse un azienda, ha sempre un bilancio  in perdita, potrà prelevare quattrini solo da  onesti cittadini o da imprenditori con aziende che creano utili e devono pagare il maggior carico fiscale sia per loro  che per tutti quelli che non pagano.
Uno stato che qualcuno già da tempo ha conclamato “ governo ladro”, e qui non voglio fare politica, ne sono schierato a destra o a sinistra. Uno stato che nasconde la sua incapacità e inefficienza, dando la caccia alle streghe, insomma si salvi chi può.

In questo scenario, è normale rimanere disorientati, si perde la bussola, si ha paura e si reagisce come facevano gli uomini della preistoria. Combatti o fuggi.

Certo che, se non vuoi fare il topo che fugge, puoi iniziare facendo la cosa più semplice e anche la piu furba che ti mette subito in una posizione di vantaggio nei confronti di chiuque generando grandi benefici per il tuo acquirente. Puoi dire la verità.

Infatti nel sistema “vendita sicura” diciamo la verità da subito partendo dalla Nuova planimetria di un nostro architetto. No, non parlo della planimetria catastale che un professionista può scaricare gratis da Sister ( un portale connesso alla agenzia delle entrate).
Qualsiasi tipologia di casa tu stia vendendo, nel primo step, il rilievo e la creazione di una nuova Planimetria con Sigillo di Garanzia è la chiave di accesso e di successo per una trattativa commerciale che si concluderà  in modo semplice rapido e sicuro.Ecco un esempio.

In piu, insieme al nostro Architetto, potremo iniziare a preparare l’immobile alla vendita, anche solo liberando dello spazio e ridando agli ambienti il giusto equilibrio spazio pieno/spazio vuoto.

Spesso, quest’ultimo è il primo problema da risolvere che non ha costi ma, se viene fatto, produce grandi benefici.

Ovvio che ogni singola casa, anzi ogni singola stanza, ha una storia a se, e dovrà essere valutata di volta in volta.

Chiamami subito per una consulenza, e sarò felice di accompagnarti e guidarti in questa selva oscura, per questa tua nuova avventura.

Inoltre riceverai un Bonus in Regalo del valore di 147€  clicca qui e invia una mail con i tuoi dati.

 

The following two tabs change content below.

Pietro Amico

Opero nel settore immobiliare dal 1990. Vivo e lavoro in provincia di Torino dove aiuto investitori e proprietari di immobili a vendere e comprare garantendo tempi certi.