Se parti male, sarà facile, che non arriverai mai neanche a metà dell’opera

By | 1 Febbraio 2017

 

chibencomincia

Il proverbio popolare recita: ” chi ben comincia  è già a metà dell’opera “, oppure per chi lo conosce   Dimidium facti, qui coepit, habet   si dice in latino.

Ecco un aneddoto : ho visto nella mia lunga carriera e soprattutto all’inizio (1990) mandrie di persone ai colloqui di inserimento – per ampliamento proprio organico – detti poi  procacciatori d’affari  e un via vai di ragazzi e ragazze adulti
( cosi’ sembravano) che, vivendo nell’urgenza di  far qualcosa optavano per quella che in quel momento sembrava potesse diventare una carriera di successo.

Gli slogan si sprecavano …” la tua opportunità di successo nell’immobiliare  ” etc etc.

Un opportunità per tutti.

Un opportunità per tutti, non importava in realta di quale grado fosse la tua preparazione scolastica ( bassa o alta ) e neanche se non avevi una preparazione scolastica ( fino al giorno prima c’era chi scaricava cemento dalla cariola per mettere un mattone sopra l’altro).

Beh..mettiamola cosi’ non c’era proprio la selezione all’ingresso ( per esempio )  di 2 esperti in programmazione che ambiscono a lavorare in facebook. Questo video tratto dal film  ” The social network ” dove il protagonista principale è Mark Zuckemberg potrebbe chiarire meglio il concetto

No, no, non era cosi’.

Diciamo che potevi anche avere nessuna esperienza nel settore e ricevere lo stesso un invito a ingresso gratuito.
Potevi iniziare a lavorare domani come procacciatore d’affari, poi l’azienda avrebbe fatto tutto il resto.
Scuola di formazione, calci nel culo …tanti, e un paio di scarpe al mese a prescindere dalla stagione in corso.

Col passare del tempo, a mio discapito e inconsapevolmente, insieme a tanti altri colleghi abbiamo ereditato e replicato lo stesso modello di ” ricerca del personale ”  pensando che fosse quello giusto.

Ma sbagliare è umano e persevarare è diabolico anzi stupido direi.
Cosi’ dopo aver visto decine di persone maschietti e femminucce addetti al telemarketing lavorare 3 mesi e poi scappare a cercare un lavoro serio ( a detta loro e delle loro famiglie ), ho iniziato a farmi qualche domanda, anche piu’ di una.

Il caro prezzo, sulla mia pelle.

Non ho ancora quantificato il prezzo che ho pagato per questa disattenzione in termini di tempo perso e soldi.
In realtà ero spinto dal desiderio di dare un lavoro, mi sembrava una cosa importante nel mio piccolo, e in qualche modo stavo restituendo alla vita parte della fortuna che avevo ricevuto , una specie di missione insomma.

Solo che la risposta a questo mio atto di grande generosità non era pero’ mai apprezzata.
Immagina la frustrazione per il via vai costante e ricorrente, sembrava un porto di mare,e il senso di colpa che mi attanagliava per non essere e/o non  aver dato “abbastanza”.
Il personale si disperdeva  come il fumo che si disperde nell’aria dopo che l’acqua ha spento il fuoco.

Chi non evolve, involve.

Nonostante tutto oggi le cose sono diverse. Il team di lavoro che opera nel “sistema vendita sicura” è composto solo da figure che sin dall’inizio sulla carta (diploma e laurea ) hanno almeno il titolo tecnico specifico rilasciato dalla pubblica istruzione.

Rimango sconcertato pero’ da ciò che mi succede intorno ma purtroppo l’andazzo è questo e qualcuno direbbe :
” solo in Italia succedono certe cose ! ”

Oggi ci sono sul mercato alcune realtà di grandi reti di franchising che vantano migliaia di consulenti immobiliari, che dovrebbero  essere ormai delle istituzioni o un modello da seguire trainante sia per la tutela del consumatore che per la dignità della professione di mediatore immobiliare, che lasciano ampi spazi di operatività persino a coloro che vengono definiti “ assistente immobiliare “.

Bene, se ancora non sei un agente immobiliare perchè ti manca l’iscrizione al ruolo ( che ovviamente grazie al cielo non è per tutti )  forse non sei la persona giusta nel posto giusto al momento giusto.

Ora, mi rivolgo a te, si tu che stai vendendo casa ormai da qualche mese o forse qualche anno, e non riesci a vendere, con tutte le difficoltà che oggi comporta vendere un immobile in un mercato strano come questo, credi davvero che sia la mossa giusta fidarti e affidarti ad una rete in franchising mondiale che vanta nel suo organico una percentuale superiore al 70 % composta di persone non abilitate al ruolo definite ” assistente immobiliare” ?

Non potrai fare altro che recitare il mea culpa perchè se parti male ( come dicevo nel titolo ) sara’ facile non arrivare neanche a metà dell’opera.

Vediamo se riesco a definire meglio il concetto anche con un grafico

Microsoft Word - slow jpeg.docx

 

Oggi quando decidi di vendere casa ti conviene riflettere attentamente sulle tue scelte. Affidarsi ad un sistema testato potrebbe essere davvero la tua unica possibilità di successo e di grande soddisfazione.

Una “equazione” di competenze specifiche per un sicuro risultato di successo.

Questo perchè ogni componente del team di lavoro  viene selezionato per competenze tecniche congrue e coerenti con ciò per cui ha studiato a scuola, che poi potrà applicare all’interno del sistema per offrirti  garanzia di sicurezza al 100% sia per la vendita che per l’acquisto della tua casa.

Se stai vendendo casa ormai da tempo e hai la sensazione di non aver ottenuto ancora i risultati desiderati, non esitare ancora, contattaci subito clicca qui

Inoltre riceverai un Bonus in Regalo del valore di 147€  clicca qui e invia una mail con i tuoi dati.

 

The following two tabs change content below.

Pietro Amico

Opero nel settore immobiliare dal 1990. Vivo e lavoro in provincia di Torino dove aiuto investitori e proprietari di immobili a vendere e comprare garantendo tempi certi.